BLOG E NEWS
dal mondo Peraga
09
Gennaio

Come curare il prato in inverno?

Generalmente l’erba del prato diventa dormiente in inverno. Tradizionalmente, i prati sono un vero toccasana a settembre, per rivitalizzarli dopo le piogge estive e per garantire che siano abbastanza in forma per superare l’inverno. E’ indicato in inverno controllare il muschio, che si trova spesso nelle zone sotto gli alberi o le siepi. Rimuovi il muschio morto, rastrellando energicamente la superficie con un rastrello da giardino a molla. Allo stesso tempo rimuoverai masse di vecchi residui di erba e altri detriti che possono accumularsi sulla superficie del prato, formando uno strato chiamato paglia; questo può ostacolare il drenaggio e incoraggia le malattie delle erbacce e del tappeto erboso. Getta il materiale in una carriola e aggiungi l’accumulo di compost quando hai finito. Se hai un grande giardino, è possibile noleggiare un rastrellatore elettrico.

Migliorare il drenaggio
Le aree del prato che ricevono traffico intenso, come le aree di gioco, spesso diventano molto compattate e possono causare problemi di drenaggio, erbe infestanti e muschio. Migliora spingendo la forca da giardino nel terreno il più lontano possibile, quindi muovila avanti e indietro per creare canali d’aria. Ripeti l’operazione ogni 10 cm attraverso il prato.
Spennellare un rivestimento sabbioso sulla superficie del prato in modo che riempia i buchi, consentendo all’aria e all’acqua di entrare nel prato, i sacchi misti possono essere acquistati presso i garden center. Sui prati più ampi è possibile noleggiare una macchina aerante motorizzata oppure utilizzare uno strumento di pinzatura che rimuove i tappi di erba.

Alimentazione

Utilizzare un concime autunnale, che è ricco di fosfati e sali di potassio; ciò aiuterà le radici forti a svilupparsi, che produrranno foglie sane. Non essere tentato di usare un fertilizzante primaverile, in quanto contengono alti livelli di azoto, che incoraggiano la crescita delle foglie morbide e sbiadite, vulnerabili alle malattie e che potrebbero essere danneggiati dal gelo.
Quando l’autunno si trasforma in inverno, sfruttare al massimo le giornate secche e rastrellare il prato per mantenerlo privo di foglie. Uno spesso strato di foglie soffocherà un prato, indebolirà l’erba e fornirà anche un riparo invernale ai parassiti indesiderati del giardino.

Malattie del manto erboso in inverno
Evitare di camminare sul prato se è ghiacciato, in quanto ciò può anche danneggiare l’erba. Sebbene la maggior parte delle importanti malattie (molto dannose) del tappeto erboso si verificano durante le parti più calde della stagione vegetativa, ce ne sono alcune che si sviluppano abbastanza bene in condizioni climatiche fresche e umide prolungate. Tra le malattie più difficili da identificare durante il clima freddo ci sono il “Fusarium” (chiamato anche muffa di neve rosa) e il “Cerotto giallo” (chiamato anche Rhizoctonia per il tempo freddo). Entrambi sono patogeni del fogliame. Il Patch di Fusarium è comune e può essere problematico in qualsiasi periodo dell’anno durante il clima freddo-umido. L’agente patogeno colpisce una vasta gamma di specie di tappeto erboso ma può essere particolarmente dannoso per bluegrass annuale, erba curativa, bluegrass del Kentucky e il loglio.
Le applicazioni di fungicidi a questo punto probabilmente non sono garantite perché il danno è già stato fatto e le condizioni più calde e asciutte, che spengono il patogeno, torneranno sicuramente. Tuttavia, alcune pratiche di gestione ridurranno il potenziale danno di questa malattia in futuro. In autunno, è importante continuare a falciare il prato fino a quando non smette di crescere. Inoltre, mantenere valori di test del suolo adeguati al fosforo (P) e al potassio (K), ma evitare una sovra-stimolazione con qualsiasi fonte di azoto. La ricerca indica che un elevato pH del suolo (alcalino) aumenta il potenziale di malattia. Nei casi in cui la malattia continua ad essere un problema perenne, dovrebbero essere considerate varietà resistenti di loglio e festoni a foglie sottili. Sebbene non siano disponibili varietà considerate altamente resistenti a questa malattia, un certo livello di resistenza è migliore di niente.
Se tutto il resto non fornisce risultati adeguati, le applicazioni preventive fungicida possono essere giustificate, a partire dall’autunno. Il fungo Rhizoctonia cerealis, è correlato al patogeno Rhizoctonia marrone. Tuttavia, la macchia gialla è una specie molto meno distruttiva, che funziona a temperature più basse. Come il cerotto Fusarium, il cerotto giallo può essere problematico in qualsiasi periodo dell’anno durante il periodo da fresco a freddo e il tempo piovoso. L’agente patogeno può colpire una vasta gamma di specie di tappeto erboso ma è più comunemente associato a bentgrasses. Le macchie marrone, gialle e bronzo sono spesso più grandi rispetto a quelle del cerotto Fusarium e appaiono in una varietà di forme come anelli concentrici, forme a mezzaluna o occhi di rana. E’ possibile vedere una crescita fungina da marrone chiaro a bianca nella copertura del tappeto erboso.

Quando l’erba diventa inattiva

Quando la temperatura si raffredda, l’erba potrebbe iniziare a perdere parte del suo colore verde e vibrante e diventare leggermente dorata. Il colore cambia perché il clima invernale manda l’erba in letargo.

Aerare il prato

Fornire un po’ di aria in più per il terreno, aerando il prato. Usa una vanga per eliminare le punte di terra attraverso il tuo prato e per fare i buchi per piantare i semi. Se il tuo prato è grande, potresti noleggiare un aeratore motorizzato o uno manuale.

Diffondere i semi di erba fresca
Puoi cospargere i semi sul prato con lo stesso diffusore usato per il fertilizzante. Prova a spargere il seme in modo uniforme in modo da non avere grumi d’erba più tardi. Trascina un rastrello sul prato per rompere i cumuli di terra e coprire un po’ i semi. Innaffia il prato con lo spray da giardino, quindi, mantenere il terreno umido e non lasciarlo asciugare.

Altri suggerimenti per la stagione invernale

È estremamente importante non lasciare detriti, foglie o giocattoli sul prato. Queste cose possono soffocare l’erba, creare malattie e invitare insetti, topi e altri parassiti dannosi.
Abbassa l’altezza del tosaerba di una tacca o due l’ultimo paio di volte che falci. L’erba eccessivamente lunga può soffocare se stessa, causare malattie ed è a rischio di danni dovuti al congelamento e allo scongelamento. Tuttavia, non tagliare l’erba in modo così breve da ridurla, esponendo così la corona della pianta a condizioni estreme.

Effetti della neve sul prato

Sotto il manto nevoso o esposto agli elementi, l’erba dormiente tollererà una moderata quantità di traffico, ma un sentiero pesantemente usurato sarà più lento a diventare verde in primavera e causare la compattazione.
Controlla le condizioni meteorologiche. Il tappeto erboso è molto resistente e può tollerare un inverno estremo, ma certe condizioni possono essere dannose a lungo termine. Potrebbe valere la pena gettare un po ‘di ghiaccio poco esposto in un punto basso se si sa che si sta avvicinando una tempesta invernale o un congelamento.
Gli inverni possono spesso essere imprevedibili e possono mettere il tuo prato in condizioni estreme durante il corso della stagione. La malattia che può comportare troppa neve, appare dapprima come macchie grossolanamente circolari, bagnate d’acqua, con un diametro da 1 a 3 centimetri, che diventano presto gialle o rossastre fino a diventare marrone scuro. Con il tempo fresco e umido, queste macchie possono ingrandire fino a 10 centimetri di diametro. Si può notare una piccola quantità di crescita di funghi bianchi o rosa pallido all’interno o sul bordo iniziale del prato, in particolare dopo lo scioglimento della neve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
Assistenza Immediata
Chiedi informazioni ai nostri esperti,
ti risponderemo subito!
Spedizioni Garantite
Spediamo con i migliori corrieri
BRT, SDA e DHL.
Supporto Online
Chiamaci per qualsiasi problema o
contattaci via chat qui sotto