Spedizioni in 24/48h a partire da 6,50€ Gratis in tutta Italia per ordini superiori a 100€
BLOG E NEWS
dal mondo Peraga
16
Gennaio

Cosa si intende per fiori di campo

Secondo stime di esperti, ci sono oltre 20.000 specie di fiori di campo nel mondo, appartenenti a circa 300 famiglie diverse. Quelli che crescono in natura, senza coltivazione, sono chiamati fiori selvatici. I fiori selvatici indigeni del continente sono chiamati “Nativi”. Altri, che possono essere abbastanza comuni, ma non indigeni, sono stati introdotti da qualche altra parte del mondo e sono definiti “Naturalizzati”. Entrambi i tipi condividono una distinzione comune: sono specifici per crescere da soli in natura. Originariamente, le piante venivano generate da spore, non da semi.

Il processo delle spore

Il processo spore è chiamato generazione di sporoftye. In questo processo vengono prodotti due tipi di spore: microspore la cui struttura cellulare germinano e si sviluppano in maschi e megaspore che si sviluppano in femmine. Questo sviluppo divergente si chiama meosi. Le piante si sono evolute nel tempo attraverso la riproduzione sessuale da questi processi iniziali. In breve, le primissime piante avevano tutto il necessario per riprodursi. Le “piante da fiore” più avanzate no. Con la loro comparsa, era necessario un nuovo grande progetto e richiedeva “aiuto esterno”. Poiché le piante sono, per la maggior parte, stazionarie o “non locomotive”, la natura doveva fornire un meccanismo in base al quale le parti maschili e femminili della nuova formazione i fiori potrebbero raggiungere l’altro in modo sicuro e con successo. Questa necessità ha portato all’aumento del sistema di impollinazione o fecondazione da parte di uccelli e insetti. I fiori si sono evoluti nelle forme vistose e colorate che conosciamo e amiamo attrarre questi impollinatori. Il nettare dolce si è semplicemente aggiunto al fascino.

Classificazione dei fiori di campo

Oltre al fascino locale dei nomi comuni, come parti ufficiali del mondo vegetale, i fiori selvatici sono classificati in modo preciso. È tutto per dare un senso e tenere traccia del vasto gruppo di piante coinvolte. A volte sembra complicato, ma in realtà non lo è. Una comprensione di base della classificazione è davvero utile per i giardinieri o anche per gli osservatori interessati del mondo vegetale.
Il sistema di denominazione utilizzato nella classificazione scientifica è noto come tassonomia delle piante ed è divisa in quattro componenti essenziali:
descrizione, con l’utilizzo di parole e immagini per descrivere le piante; classificazione, semplicemente inserendo le piante in ampie categorie. L’identificazione è il processo di collocazione delle unità di impianto descritte in classi.

Tipologie più note
Il crisantemo è il nome botanico per la maggior parte delle margherite . Anche nomi di fiori conosciuti come Iris, Hibiscus e Aster sono tutti nomi botanici. Ad esempio, Lupinus è il primo nome di tutte le specie Lupin, Liliumè ovviamente il nome dei gigli; Tulipa è impiegato per i tulipani e il famosissimo Rosa è il primo nome di tutte le rose. Le piante sono state classificate e nominate per una ragione molto buona, quindi possiamo distinguere chiaramente l’una dall’altra. Le piante sono state classificate utilizzando un linguaggio comune che può essere compreso in tutto il mondo: il latino. Il nome scientifico o botanico dei fiori di campo, come tutte le piante, è composto da due parole.
I primi nomi del gruppo o del ” Genere ” e il secondo descrivono una singola pianta individuale all’interno del gruppo, o una “Specie “. Secoli fa, quando il sistema è stato ideato, il latino è stato scelto poiché è una lingua conosciuta in tutto il mondo.
Che sia latino o greco, il nome del genere (il primo nome) è sempre in maiuscolo e generalmente è un nome. Il nome della specie (o il secondo) non è maiuscolo, di solito è un aggettivo. Il nome della specie è un aggettivo poiché è usato per descrivere una caratteristica che separa la pianta dagli altri membri del gruppo. Questo nome descrittivo ti dice sempre qualcosa sulla specie. Si riferisce spesso a un colore, alla forma della foglia o del fiore o alla regione da cui proviene la pianta. Un buon esempio di questo sistema di denominazione può essere visto nel nome botanico della nostra famosa pianta della prateria, Purple Coneflower , un fiore di campo perenne con petali viola e un centro ispido dorato a forma di cono. Il nome botanico di questa pianta, ora famoso come medicinale, è Echinacea purpurea . “Echinacea”, il nome del genere, significa “Una setola”. Il nome della specie, ” Purpurea “, significa semplicemente “Viola”.

Come coltivare i fiori di campo

Per raggiungere una posizione di successo con i fiori selvatici, è molto importante che il terreno sia preparato correttamente e che il seme venga arrotolato o pressato nel terreno dopo la semina. Seppellire il seme troppo profondamente o trasmettere casualmente il seme su un’area impreparata produrrà solo risultati deludenti. Seleziona un sito che drena bene. Spesso tendiamo a seminare in zone basse o scarsamente drenate, pensando che i fiori selvatici possano prosperare in queste condizioni umide. Le posizioni umide sono in genere produttrici di molto erbacce, perché mentre l’acqua defluisce attraverso l’area, migliaia di semi di erba vengono depositati sul sito che sono stati raccolti a monte. Ricorda che la maggior parte dei fiori selvatici prosperano in terreni ben drenati. Usa un diserbante per eliminare qualsiasi vegetazione che possa competere con i tuoi fiori selvatici.
Falciare la vegetazione esistente o morta nella maniera più corta possibile. Raccogli i ritagli e rimuovi il materiale dal sito.
Per preparare il letto di semina, rastrellare o leggermente fino alla superficie del terreno fino ad una profondità massima di un pollice. La preparazione superficiale del suolo limiterà il disturbo dei semi di erba dormiente. Rimuovere la maggior quantità possibile di vegetazione esistente tirando o lavorando sotto per ridurre al minimo la competizione. Allentare il terreno raschiando, rastrellando o lavorandolo. Le miscele dei fiori selvatici di solito non vengono prese se piantate nel prato esistente perché la paglia impedisce il loro contatto con il terreno.
È utile mescolare accuratamente un trasportatore come sabbia per muratura, perlite, terriccio per vasi, ecc., Al seme per aumentare il volume e facilitare la distribuzione uniforme sul sito. Raccomandiamo un minimo di 4 parti di materiale inerte per una parte di semi.
Trasmetti metà del tuo seme il più uniformemente possibile sull’area preparata. Seminare il seme rimanente in una direzione perpendicolare alla semina iniziale.
Premere il seme nel terreno camminando o rotolando sull’area appena seminata. Non piantare i fiori di campo vicino al trifoglio o ad erbe che crescono durante l’inverno (ad esempio:erba annuale di segale o festoni), in quanto questa vegetazione sarà troppo aggressiva per consentire ai fiori selvatici di stabilirsi.
Nelle aree più grandi, potresti voler utilizzare un divaricatore o altri mezzi meccanici. Si consiglia di aggiungere 1-2 parti di sabbia pulita e asciutta ad una parte di semi di fiori selvatici che aiuteranno i semi a diffondersi uniformemente. Non usare la sabbia della spiaggia, perché sarà piena di sale. Potrebbe essere saggio diffondere la maggior parte del seme, ma per risparmiare il 15-20% per riempire i punti calvi in ​​un secondo momento. I semi devono entrare in contatto con il terreno per germogliare. Non seppellire i semi più di 2-3 volte il loro spessore. Segui questa pratica guida come coltivare fiori selvatici nel tuo giardino e coltivare un po ‘di colore. Mantenere l’area seminata quanto più umida possibile per aiutare i semi a germogliare e le giovani piantine si stabiliranno. Le erbe infestanti devono essere tenute sotto controllo. Una volta che stanno crescendo, la maggior parte delle miscele non richiederà l’aggiunta di acqua se non nei lunghi periodi di clima caldo e secco. Tutti i fiori di campo dovrebbero ricrescere per diversi anni. A fine estate, molti dei componenti produrranno semi che possono essere raccolti e reimpiantati nella primavera successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
Domande Frequenti
Chiedi informazioni ai nostri esperti,
ti risponderemo subito!
Spedizioni Garantite
Spediamo con i migliori corrieri
BRT, SDA e DHL.
Assistenza Online
Chiamaci per qualsiasi problema o
contattaci via chat qui sotto